Storytelling Varese: Sorriso di Stelle a Ville Ponti, Varese
Lorenzo Lucca fotografo PLUME

Lorenzo Lucca

Uso la fotografia per raccontare persone e imprese realizzando un visual storytelling strategico, adatto al web o ai social di oggi. Sono un fotografo e un programmatore e ho lavorato per anni nella grafica promozionale. Mi occupo di tutti gli strumenti che creano la presenza online e un buon posizionamento sul web della vostra storia, dalla SEO agli altri aspetti più tecnici del digital marketing e dello storytelling.

Tutti i sorrisi dell’evento Sorriso di Stelle

Per una sera i migliori cuochi della provincia di Varese si sono ritrovati assieme a spadellare, fianco a fianco, sotto le stelle. L’occasione è stata offerta dalla seconda edizione dell’evento enogastronomici Sorriso di Stelle, nelle meravigliose Ville Ponti di Varese nel giugno scorso.

E noi Plumers eravamo lì per raccogliere in immagini alcuni attimi significativi. Nella gallery qui sotto potete vedere una selezione delle foto scattate da me ed Elisa Piemontesi che creano lo storytelling visivo della serata.

Sorriso di Stelle è un evento dedicato agli amanti dei buoni sapori, organizzato da Uniascom Varese e dall’Associazione Provinciale Cuochi Varesini con la collaborazione di Coldiretti Varese, Associazione Pasticceri per la Vita ed Unibirra. L’iniziativa nasce con un fine benefico: quello di contribuire all’opera delle associazione di volontariato della provincia.

Quest’anno l’attenzione era rivolta alla Fondazione Giacomo Ascoli. È una Onlus che da anni sostiene la ricerca scientifica per la cura del linfoma pediatrico. Con l’impegno profuso è anche riuscita a organizzare, presso la sezione pediatrica dell’Ospedale del Ponte di Varese, il servizio Day Hospital dedicato ai piccoli pazienti affetti da patologie onco-ematologiche.

Come scoprirete dal racconto fotografico, la storia della serata è nei volti di tante persone che, con passione, hanno lavorato al successo dell’evento. Tra loro anche un volto noto di Zelig, il comico siciliano Francesco Rizzuto.